Gelato Italiano a Maiorca. Dove mangiarlo buono e artigianale (e come riconoscerlo)

Gelato Italiano a Maiorca. Dove mangiarlo buono e artigianale (e come riconoscerlo)

Gelato Italiano a Maiorca, come riconoscere il gelato artigianale da uno che non lo è. Scopriamo con DolceFreddo come funziona il gustoso mondo del gelato!

0
SHARE
Gelato Italiano a Maiorca - DolceFreddo
Gelato Italiano a Maiorca - DolceFreddo

Il gelato italiano a Maiorca, come nel resto del mondo, è apprezzatissimo e mangiatissimo! Tra gente del posto, turisti, e il sole che scalda più o meno tutto l’anno, ogni momento è quello giusto per mangiare un gelato.

Però, c’è un però. Come in tutti i casi di successo, il rischio di imitazione è altissimo, e il gelato artigianale italiano è una delle vittime principali di contraffazioni sia in patria che all’estero. Spesso si parla di artigianalità e di naturalità e in realtà non vi è nulla di autentico nel prodotto venduto.

Esistono molte immagini fuorvianti, trasmesse da brand che attraverso un ottimo lavoro di marketing e comunicazione efficace, hanno dato vita a un’idea di gelato fatta di frasi altisonanti e parole “trendy” come “organic” e “bio”. Si vende così un’idea di gelato, che si unisce al gusto stesso rendendolo buonissimo.

DolceFreddo - Interno Gelateria Palma de Mallorca
DolceFreddo – Interno Gelateria Palma de Mallorca

Per capire un po’ di più cosa succede nel mondo dei gelati, visto che la Spagna è sul podio insieme a Italia e Germania per quantità di gelati mangiati all’anno (10,6 litri all’anno per spagnolo, ovvero 192 palle), abbiamo iniziato una ricerca sul territorio, che ci ha condotti da un antico gelataio piemontese.

Ci troviamo proprio davanti al Teatre Principal de Palma, in una gelateria che da decenni presidia una delle curve più celebri della capitale maiorchina. Conosciamo così DolceFreddo, gelatai dal 1972, e iniziamo a capire come funziona il mondo del gelato e quante varianti ci siano.

La prima differenza, interessante per chi ci tiene alla propria linea (ma anche alla propria salute) è la differenza nella tipologia di grassi presenti in un vero gelato artigianale e in un gelato non artigianale: la quantità di grassi idrogenati di quest’ultimo non è certo rassicurante.

Poi ci sono le materie prime, quanto viaggiano e in che condizioni vengono prodotte. Il che significa che se siamo nelle Baleari, un buon gelato sarà prodotto con il latte delle mucche locali. E se il primato del pistacchio lo detiene la Sicilia, il pistacchio di Bronte sarà il prescelto per il gusto pistacchio (pur trattandosi di un gelato italiano a Maiorca).

La quantità di zuccheri, la percentuale di frutta vera e le alternative per chi ha intolleranze determinano l’attenzione e la cura nella preparazione del prodotto, garantendo un risultato di qualità.

Quando i gusti seguono la stagionalità e non ci sono forzature (come le fragole a Natale), le possibilità di trovarsi davanti a un gelato artigianale aumentano.

Per concludere, mangiare un gelato italiano a Maiorca è possibile, anzi è raccomandabile!

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY